TEATRO ROMANO di Verona 15 giugno 2002
La culla sul mare 1h.30min
 ( poesie da La corsa dei fuochi)
 
opera poetico musicale
voce cantante Antonella Ruggiero
voci recitanti Ida Travi - Patricia Zanco
coreografia Marcella Galbusera

musica di Andrea Mannucci


poesie da La corsa dei fuochi, Moretti&Vitali, 2006CD
con voce di Patrizia Simone
(per ordini: segretria@morettievitali.it)

 tre poesie per la musica:
 
  " c'è un bambino, c'è una sedia, c'è un incensiere ,  2002

L'Arena 21 maggio 2003
Antonella Ruggiero prosegue un suo percorso artistico nei territori della musica colta: dopo aver preso parte alla Medea di Adriano Guarnieri a Verona sarà interprete di un'"opera poetica e musicale" di Ida Travi per voce e musica elettronica, il 10 giugno al Teatro Romano alle 21,30 (nell'ambito del Festival di Poesia di Verona e della Valpolicella). Musica di Andrea Mannucci su testi di Ida Travi, che ha curato anche la regia e che interverrà come voce poetica nelle parti recitate. Opera contemporanea che si vuole avvalere di una voce 'leggera' come veicolo di una fruizione più diretta dei contenuti testuali. Il lavoro è diviso in tre quadri: "Suono bianco", "Oscurità" e "Canto del moribondo e del neonato". La recitazione è affidata alla voce di Patricia Zanco; i momenti coreografici saranno interpretati da Marcella Galbusera. Nelle intenzioni degli autori, che da tempo stanno collaborando ad un percorso di ricerca compositiva, la scommessa di quest'opera è quella "di portare a teatro una poesia per la musica, pensata per essere cantata, di portarla in scena, immetterla in un tessuto sonoro composto su misura e rendere così la musica elettronica più poetica e la poesia più sonora e musicale". (f.z.)

 
 



TEATRO BINARIO
POESIA PRESENTE 2008

a cura di Dome Bulfaro
La corsa dei fuochi 50 min.
di Ida Travi  
Poesia per la musica 
(Moretti&Vitali 2006)
'Come se fossimo ancora noi gli antichi'
mercoledì 09 gennaio 2008, h. 21.00
MONZA - Teatro Binario 7

via Turati 8 (Piazza Castello - di fianco alla stazione FS)

Intervista di Antonio Loreto a Ida Travi | 9 gennaio 2008
Teatro Binario


La poesia di Ida Travi è fortemente improntata all’oralità: i suoi testi si fondano su una sorta di struttura invisibile che sostiene il senso poetico anche oltre la pagina scritta e trova in forma arcaica la sua con temporaneità, il suo compimento.
 
“La corsa dei fuochi”, l’opera che presenta al Binario 7 (testi e voce recitante Ida Travi, voce cantante Patrizia Simone, musica Andrea Mannucci) è un misterioso libro di versi riconducibile alla riflessione teorica della poetessa ( L'aspetto orale della poesia”, 2000) e al suo lavoro di poesia scritta per la musica.
 
È come se noi - scrive Ida Travi - che guardiamo, qui e ora, nel tempo cosmico e per un soffio, fossimo ancora noi “gli antichi”. 



 

Antonella Ruggiero                               Ida Travi                    

Patricia Zanco